2012-2017: è tempo di verifica

Una serata dal bilancio più che positivo quella del 13 gennaio 2017 presso la sala conferenze dell’Associazione Cultura&Sviluppo di Alessandria.

A cinque anni dagli impegni assunti con Libera durante la campagna elettorale dal Sindaco Rita Rossa (vedi qui le video interviste di TUTTI i candidati del 2012), era necessario iniziare un percorso di verifica su quanto effettivamente realizzato.

Si è scelta la formula dell’”audit”, ovvero una valutazione da parte di soggetti indipendenti (in questo caso sono state interpellate dieci firme dell’informazione locale e regionale) che hanno posto domande sia generali che specifiche al Sindaco sulla piattaforma AL10, con tempi definiti per le risposte.

Una formula forse un po’ troppo “anglosassone” per la sensibilità e le consuetudini nostrane, ma che si è rivelata, a nostro giudizio, la migliore possibile visti i tempi e la vastità degli argomenti.

La serata era in diretta streaming, il Sindaco ha risposto nei tempi e non si è sottratta a nessuna delle domande e, dopo un prima valutazione a caldo, sarà ora possibile da parte di tutti rianalizzare con la dovuta calma i contenuti dell’audit, ed eventualmente richiedere per iscritto ulteriori chiarimenti a Rita Rossa ed alla attuale Giunta.

Tale possibilità, oltre che alle associazioni aderenti a Libera, è naturalmente aperta ai giornalisti presenti alla serata (a cui va nuovamente il nostro ringraziamento per la disponibilità e la professionalità prestata) ed a tutti i cittadini interessati, lasciando commenti firmati agli articoli sul sito di AlessandriaNews (mediapartner di Libera per AL10) o tramite email da inviare a [email protected].

Rita Rossa a fine serata ha dato la disponibilità di rispondere ad ulteriori domande e richieste di approfondimenti che dovessero pervenire nei prossimi giorni. Nell’ambito delle nostre possibilità, tutte le domande sottoscritte per il Sindaco che ci perverranno tramite email, verranno nei prossimi giorni raccolte e inoltrate all’Amministrazione Comunale per le risposte e gli approfondimenti necessari da parte della Giunta. Risposte che volentieri ripubblicheremo anche sui nostri blog.

In ogni caso, nel merito della serata, da sottolineare fin da subito alcune carenze tecniche emerse sulla piena accessibilità pubblica e trasparenza del sito internet del Comune (punto 5 di AL10) e la disponibilità del Sindaco di valutare, con l’ufficio legale del Comune, la possibilità di costituirsi parte civile nei processi penali contro attività criminali di stampo mafioso (punto 3 di AL10), che dovessero confermarsi a seguito delle recenti operazioni condotte dalle Forze dell’Ordine sul nostro territorio (in particolare Triangolo 2015, Alchemia e Arka di Noè 2016).

Resta infine inteso che, a chiunque dovessere vincere le prossime elezioni amministrative del 2017, sarà richiesta analoga disponibilità al confronto partecipato.

Le mafie si sono già radicate anche al nord da almeno ventanni, con o senza grandi opere. Riteniamo quindi che, come Libera e in generale come cittadini appartenenti ad una “società responsabile”, all’indispensabile componente politica rappresentativa, una società democratica che si dica convintamente antimafia debba necessariamente riscoprire anche la sua componente partecipativa. Per questo contiamo che il monitoraggio civico diventi, prima possibile, una cultura davvero diffusa e trasparente.

Clicca qui per rivedere e riascoltare l’intera serata

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a 2012-2017: è tempo di verifica

  1. Carlo Piccini scrive:

    Manca ancora la cultura della verifica.
    I nostri politici si sono abituati a fare promesse elettorali che poi nessuno verifica.
    Ma è anche colpa della nostra cultura fatta di deleghe e di disimpegno, che tra l’altro è proprio il modello culturale di cui le mafie hanno più bisogno per poter sottomettere i “sudditi” (che saremmo noi) delle loro società feudali e rassegnate.
    Iniziative di verifica e di monitoraggio civico disturbano da sempre gli affari delle mafie, le quali prima reagiscono attraverso i loro sponsor ed i loro prestanome per tentare di delegittimare e screditare ogni forma di partecipazione democratica, poi passano all’intimidazione fino ad arrivare all’utilizzo, nei territori a più elevato controllo criminale, della violenza fisica.
    Un buon antidoto per non lasciare che la nostra società si rassegni alle deleghe in bianco ai capi-bastone di turno, è proprio verificare e monitorare il lavoro dei politici e degli amministratori democraticamente eletti, chiunque essi siano e quale che sia il loro colore.
    Tutti possono partecipare a questa verifica del lavoro svolto dall’attuale Amministrazione Comunale. Stiamo raccogliendo all’email [email protected] domande e richieste di approfondimento sulla piattaforma AL10 da inviare alla Giunta Comunale.
    Domande a cui contiamo che il Sindaco uscente voglia risponderci, in tempo utile, per consentire a ciascuno una valutazione conclusiva e di merito su questi cinque anni di mandato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *